L'universo Quantistico

Il nostro universo è un enorme computer quantistico?

Le prime importanti esigenze di calcolo riguardarono principalmente l'astronomia, disciplina legata da un verso a concezioni religiose o comunque spiritualiste, e per altro verso ad applicazioni estremamente pratiche come quelle per la navigazione marittima.

Computer Z1 Konrad ZuseKonrad Zuse, l’uomo a cui fu attribuito lo sviluppo del computer moderno, ebbe un lampo di intuizione sul modo in cui l’universo potrebbe funzionare. In quel frangente, egli ci offrì anche un nuovo modo di pensare al ruolo umano nella creazione. Mentre stava sviluppando i programmi da eseguire nei suoi primi computer, Zuse si pose una domanda che suona piuttosto come un’idea da romanzo, che come la proposta di un concetto capace di illustrare una seria possibilità scientifica. La domanda di Zuse era semplicemente questa:

E’ possibile che l’intero universo funzioni come un grande computer, dotato di un codice che renda possibile qualunque cosa?

O forse, cosa ancora più bizzarra, può aver provato a chiedersi se esista una sorta di computer cosmico, continuamente all’opera per creare l’universo e tutto ciò che contiene. Questa è chiaramente una domanda sconfinata, le cui implicazioni scuotono tutto, dai concetti di vita e di evoluzione, alle fondamenta stesse della religione. Essa ha inoltre ispirato Matrix, un film estremamente noto uscito nel 1999.

Zuse era ovviamente avanti rispetto ai suoi tempi. Trent’anni dopo, ha ulteriormente sviluppato queste idee nel suo libro Calculating Space mettendo in moto gli eventi che hanno condotto a una rivoluzione nel nostro concetto di realtà e di vita quotidiana. Commentando il modo in cui queste stupefacenti intuizioni si erano affacciate alla sua mente, Zuse spiegò di aver stabilito un collegamento fra le macchine che costruiva e il macchinario dell’universo.

"Accadde che contemplando la causalità [la relazione fra le cose che succedono e ciò che le fa accadere]", affermò, "improvvisamente ho pensato di interpretare il cosmo come un computer gigante".

Questa concezione dell’universo conduce alla conclusione che, a prescindere se stiamo parlando di pietre, alberi, mare, ecc. o di voi: Tutto è informazione! 
Secondo l'astronauta dell'Apollo Edgar Mitchell, le informazioni fanno parte della sostanza stessa dell'universo, ovvero sono parte di una “diade” di cui l'altra metà è l'energia. Le informazioni sono presenti ovunque e sono esistite sin dalla nascita dell'universo. Il vuoto quantistico, è il meccanismo olografico di informazioni che registra le esperienze storiche della materia. E proprio come qualunque informazione può rappresentare l’output dei processi che l’hanno assemblata, così anche l’universo in realtà è il prodotto di un immenso programma che ha avuto inizio tanto tempo fa. Sebbene il chi e il che cosa di quel programma siano certamente fondamentali, Zuse si domandava piuttosto come tutto ciò potesse essere possibile. Anche se si stava ponendo le domande giuste, a quell’epoca non disponeva della tecnologia necessaria per mettere alla prova le sue teorie come ora è possibile per noi. Il convegno internazionale di Informatica del 1998 riconobbe a Konrad Zuse con il suo "Z1" il ruolo di inventore del primo computer programmabile funzionante della storia. A Zuse si deve anche l'invenzione del primo linguaggio di programmazione della storia, ideato per fornire le istruzioni allo "Z1": il Plankalkül.

Computer quantistici

Le nuove scoperte avvenute negli ultimi anni hanno indotto gli scienziati a ripartire dalle domande iniziali di Zuse.

Riprendendo da dove lo scienziato aveva interrotto il suo lavoro, oggi un crescente numero di studiosi sta abbracciando le sue stesse linee di pensiero, ponendosi la medesima domanda:
Viviamo in una simulazione virtuale?

Se è così, l’universo – con tutto ciò che contiene – è quello che è, e si trova dov’è, perché qualcosa nel programma cosmico ce l’ha messo. E ciò significherebbe che viviamo in una realtà digitale dove tutto è fatto di informazione, anziché di cose.

Nel 2006 Seth Lloyd, progettista del primo computer quantistico, ha ulteriormente sviluppato il concetto di universo digitale, elevandolo dal piano dell’interrogativo dubitativo E se… ? al piano dell’asserzione fattuale E’ così.  Sulla base delle sue ricerche nel nuovo campo della fisica digitale, lo studioso ci lascia pochi dubbi sulla sua posizione rispetto a questa visione emergente della realtà, quando asserisce:

"La storia dell’universo è, in realtà, una colossale e ininterrotta computazione quantistica".

Nel caso sussista in noi qualche incertezza su cosa stia dicendo esattamente Lloyd, egli ci sta chiarendo il senso delle sue scoperte. Anziché sostenere che l’universo possa essere come un computer quantistico, ci scaraventa nella più radicale descrizione della realtà che sia mai emersa da duemila anni, affermando.

"L’universo stesso è un gigantesco computer quantistico, che crea quel programma informatico di cui anche noi siamo parte". Dalla prospettiva di Lloyd, tutto ciò che esiste rappresenta un output o emanazione del computer dell’universo. "Col procedere del computo, la realtà si dispiega", egli precisa.

Su questa base egli afferma che noi comprenderemo com’è fatto l’universo soltanto quando disporremo di computer quantistici in grado di affrontare la questione alla radice. (Tratto dal Libro:  'La Guarigione Spontanea delle Credenze'  Gregg Braden)

Universo OlograficoTra i tanti fenomeni della Fisica Quantistica, uno è cosi sconvolgente che cambia tutta la storia della scienza, ovvero l'Entanglement, ipotizzato per la prima volta da Erwin Schrodinger nel 1926.  Secondo David Bohm il fatto che esista l'entanglement, vuol dire che l'Universo è un immenso ologramma creativo e partecipativo, ovvero un'immagine 3D tridimensionale dove le particelle sono in contatto indipendentemete dalla distanza e sono estensioni di una stessa entità fondamentale.
Perché la separazione è un'illusione!

L'entanglement dimostra che nell'Universo c'è un principio di non località attraverso il quale avvengono fenomeni come se ogni cosa fosse in varia misura in diretto e istantaneo contatto con ogni altra, indipendentemente dallo spazio fisico che le separa. La componente invisibile di ogni cosa interagisce costantemente con la componente visibile di ogni altra cosa che esiste, generando gli eventi presenti manifesti.

Leggi Universali

Quali sono le Leggi Universali?

Universo quantisticoSiamo tutti corpi pensanti che parlano la stessa lingua con tutto il creato, dentro un Universo pensante. Partendo dal presupposto che esiste un Potere Supremo, o un Essere Supremo che ha creato e che controlla questo complesso universo, desterà allora molto interesse la seguente citazione dal libro “Vision of Ramala”:

“Questo Essere Supremo si manifesta e mantiene ordine ed equilibrio nella propria creazione tramite quelle che a volte vengono chiamate le grandi leggi naturali del cosmo. Queste leggi naturali sono paragonabili alle vostre leggi scientifiche terrestri e definiscono i rapporti tra tutte le cose create, sia a livello fisico, sia ai livelli superiori e inferiori a quello fisico."


L’
Universo è la scuola in cui impariamo ad esprimere il nostro libero arbitrio facendo delle scelte, ad accettare le conseguenze di quelle scelte che partecipano alla creazione del nostro futuro vicino o lontano, a guarire i danni collaterali conseguenti a tali scelte. Per essere in grado di esplorare i nostri pieni poteri, dobbiamo prima capire chi e cosa siamo. Siamo tutti spiriti che vivono un’esperienza fisica. Siamo il prodotto dei nostri pensieri, atteggiamenti e azioni vissute in questo enorme simulatore che è l’Universo, dove siamo mortali dal punto di vista corporeo, ma essenzialmente indistruttibili dal punto di vista della coscienza.
Il Fisico tedesco Max Planck, al quale viene attribuito il merito di aver iniziato la rivoluzione più di un secolo fa, disse qualcosa di meraviglioso e misterioso in relazione alle Leggi Universali: "L'Universo sapeva che che noi saremmo apparsi".  In seguito ci fu un'affermazione in proposito fatta dal lungimirante fisico inglese David Bohm: "L'Universo è una totalità indivisa in costante movimento". 
E' stata trovata la Teoria Unificata dell’Universo Fisico e Mentale
da un ricercatore solitario il Prof.Vincenzo Russo, il neo Eleatico Pitagorico che descrive l'Universo esistente in quanto si pensa da solo e in modo decidibile, universale, necessario ed immutabile (completo). L'Universo è un pensiero solo intellegibile per noi, ma è autocoscienza e autore di sè. Noi siamo uno dei due osservatori consapevoli, ma non siamo i veri creatori dell'idea dell'Universo. La materia è in realtà un'alternanza d'informazioni quantistiche d'idee di pieno e di vuoto virtuali. Niente esiste come materia veramente solida ed estesa, in quanto costituita con immaginari frattali olografici, trasmessi al cervello, con prestiti di energia della mente. Pertanto tutto è pensiero astratto, anche la materia. L'Universo pertanto è solo una costruzione mentale olografica immaginaria, pensato in numeri e grafi frattali ipotetico deduttivi.

Nella Mente e nel programma puntiforme ed invisibile, oltre il muro di Planck, l'Universo non si è mai esteso realmente, ma solo in un hardware olografico immaginario. Non esistono quindi realmente una forza di gravità e la sua particella ipotetica detta Gravitone, altresì non esiste realmente una particella detta Bosone di Higgs, che conferisca peso e/o massa alle particelle. La Via della verità antica di Parmenide e Pitagora suggerisce che il mondo è un grande Pensiero, visto solo apparentemente come materia apparente ai Sensi ingannevoli. Esiste infatti solo la quantità di moto dell'Energia Mentale simulata come Energia visibile , che è misurabile con i sensi  e con gli strumenti nel mondo apparente, come Energia innerziale e gravitale apparente. Le particelle ed i corpi rappresentati in modo immaginario come se fossero realmente separati tra loro da spazio tempo vuoto, sono in realtà intimamente insieme, nel mondo reale Mentale. Ciò spiega l'entanglement quantistico. Le nostre Menti leggono il pensiero Universale, necessario ed immutabile, perchè sono suoi sottoprogrammi inclusi in esso. Le nostre Menti sono immagini olografiche del programma inclusivo nell'Universo. L'origine del mondo è infatti una forza mentale unificata, in quanto tutto è pensiero sia nel mondo visibile (un'apparenza dei Sensi) che in quello invisibile. Infatti non esiste nessun ponte o grattacielo senza il pensiero che lo precede (il progetto) e senza il pensiero che lo mette in atto, "le cose sono pensieri".
L'Informazione diviene pertanto immediata e completa conoscenza del visibile e dell'invisibile.

Le 4 "forze" fondamentali della Natura che compongono l'Universo

  1. Campo quantistico o elettrodebole          – agisce sulle particelle subatomiche
    Trasportato da ipotetiche particelle chiamate Bosoni W e Z
  2. Campo nucleare o elettroforte                 – agisce sui nuclei atomici
    Trasportato da ipotetiche particelle chiamate Gluoni
  3. Campo gravitazionale                              – agisce sulle masse tra cui i pianeti e le galassie (forza o accelerazione di gravita’)
    I suoi vettori ancora sfuggenti sono i Gravitoni, ipotetica particella elementare dove ad oggi si è ottenuta una stima del limite superiore della sua massa pari a 1,2 per 10-22 elettronvolt/c.. (Nel 2012 la scoperta del Bosone X, la particella che si pensa dovrebbe dare la massa a qualsiasi cosa).
    E' dell'11 Febbraio 2016 la conferma dell'esistenza delle Onde gravitazionali un secolo dopo l'ipotesi di Albert Einstein, illustrata nella sua Teoria della relatività generale, prodotte dal movimento di corpi dotati di massa nello spazio-tempo.
  4. Campo elettromagnetico                         – agisce sulla struttura dell’atomo (campi elettrici e magnetici che interagiscono tra loro)
    E' trasportato dai Fotoni o quanti del campo Elettromagnetico

In realtà per comprendere veramente come funziona l'Universo, dobbiamo capire l'Energia in tutte le sue forme, come fare allora visto che il 95% dell'Universo è composto di Energia e materia oscura che non vediamo e non comprendiamo? Si ipotizza l'esistenza di una 5a Forza fondamentale responsabile dell'allontanamento delle galassie e dell'accelerazione relativa all'espansione dell'Universo. Non possiamo ne vederla, ne sentirla ne rilevarla, ma i cosmologi sono certi della sua esistenza, in quanto senza l'Energia Oscura, la gravità a lungo andare, farebbe collassare l'Universo su se stesso. 
Energia dell'Universo

    • Energia Oscura - costituisce il 72% dell'Energia dell'Universo, il 23% si presume composto da materia oscura, solo il 4,6% è la materia a noi visibile e lo 0,4% sarebbe rappresentato dai Neutrini (particelle quasi prive di massa). Sarebbe trasportata da una particella ancora sconosciuta chiamata Camaleonte, perché si ritiene possa trasformarsi, ovvero quando è pesante diventa lenta ed inefficente, mentre quando è leggera si muove più velocemente e acquista forza. Il suo peso dipenderebbe dalla quantità di materia presente nell'ambiente circostante, per questo motivo sulla terra risulta essere invisibile. Questa particella trasporterebbe una 5a forza completamente diversa dalle altre 4 Forze dell'Universo già note. Alcuni scienziati vedono la nostra mente profonda, addirittura come un parallelo della materia e dell'Energia oscura che misteriosamente controllano gli eventi nel cosmo visibile.


Perché esista la vita è fondamentale il perfetto equilibrio di queste 4 Forze (più probabile siano 5), che compongono la Natura dell’Universo sono tenute insieme da una “forza/intelligenza” chiamata anche Campo Unificato o Campo Akashico cosmico, che le gestisce e le fa interagire. A tal proposito Antony Garrett Lisi fisico statunitense ha proposto una nuova teoria unificata per mettere in relazione la fisica quantistica con la gravitazione utilizzando l'Algebra di Lie E8. Il Campo Unificato costituisce la registrazione duratura di tutto ciò che accade ed è mai accaduto nell'universo intero, simile all'antico concetto di Akasha. L’universo in cui viviamo e’ strutturato in modo che ogni singola struttura che lo compone (dalle dimensioni più piccole a noi attualmente conosciute a quelle più grandi) particelle subatomiche, atomi, molecole, cellule, minerali, vegetali, animali, uomini, energie superiori), abbiano un ciclo di Vita, cioè nascano e muoiano. Anche le stelle ed i pianeti nascono e muoiono. Ad ogni morte si verifica un Salto di Coscienza con emissione di Energia e conseguente acquisizione di ulteriori informazioni. L’Elettrone diventa Fotone e viceversa, ma anche altre particelle Subatomiche si Trasformanoal punto tale che e’ possibile che una particella, attraverso uno scambio di energia, si rigeneri come 2 particelle dello stesso tipo, non si divide in 2, ma diventa doppia rispetto a ciò che era in precedenza.

Esiste materia oscura? Esiste Energia oscura? Può esistere una estensione infinita dell'Universo? 
Secondo la Teoria Unificata dell'Universo fisico e mentale, poichè nulla si crea e nulla si distrugge, l'Energia oscura di tutto l'Universo attualmente osservato è dunque pari alla somma di tutti i quanti di energia esistenti ed agiti dal Big Bang ad oggi ed esercita reazione gravitale alla velocità di fuga. L'Energia oscura è tutta la quantità di antimoto o reazione alla velocità di fuga, applicata dal Big Bang ad oggi, ovvero è tutta l'Energia di esistenzadell'attuale spazio tempo già esistito ad ogni secondo di espansione. L'Energia oscura è l'equivalente massa totale di entropia. L'Universo sembra lanciarsi verso l'infinito, ma in effetti lo spazio-tempo riavvolge ad ogni istante, le sue dimensioni finte, tutte in un solo tempo e lunghezza formattata di Planck. In realtà l'espansione apparente dell'Universo è tempo-spazio negativo o entropia, bloccati nella velocità apparente della luce. L'Universo è in definitiva un ologramma fantastico e pulsante.

Da dove derivano le nostre difficoltà?
Le nostre difficoltà sono dovute alle idee confuse e all'ignoranza dei nostri reali interessi. Il nostro grande compito è di scoprire attraverso le Sessioni QSET le leggi della natura a cui dobbiamo adeguarci. Si dice vi siano 33 leggi (numerologicamente, 33 è il numero dell’universo) che governano le creazioni universali. Sono leggi immutabili, imparziali e  sempre in funzione, indipendentemente dal fatto che noi ne siamo a conoscenza o meno. Sono reali esattamente come lo è la Legge di Gravità o l’elettromagnetismo e alla loro comprensione è legata l’evoluzione e la libertà di ogni Essere. Le principali Leggi Universali:

1- Legge dell'Unità o dell'Energia

Legge dell'UnitàTutta la materia, indipendentemente dallo spazio che la separa, è costantemente collegata ed unita. Due particelle di energia pur essendo distanti a migliaia di km tra loro comunicano, nello stesso momento, in perfetta coscienza e sono in realtà…la stessa particella contemporaneamente presente in posti diversi. Questo significa che anche noi siamo uniti nell’Unico Campo Cosciente e che le distanze fisiche sono solo un’illusione in quanto la materia non è altro che Pura Coscienza-Energia condensata in forme diverse.

La fisica dei quanti ha dimostrato che la materia è vuota, il nucleo dell’atomo nel suo centro contiene un “punto di materia/non materia” definito Bip e si tratta di un’ informazione-pensiero condensata. E’ logico comprendere che se tutta la materia è retta da un pensiero questo pensiero dovrà esistere sempre, in quanto e' uno scambio di informazioni che modulano un campo elettromagnetico e va ad interagire con il campo. Se il Pensiero dovesse smettere di essere anche solo per un attimo tutta la materia non sarebbe più.

Quando sentiamo che il mondo ci sta “crollando addosso” è perché per un certo tempo non abbiamo pensato bene, in maniera coerente con il Principio della materia. Tutto questo significa decisamente un nuovo modo di pensare e agire non più in forma separata e quindi da spettatore passivo delle “leggi fisiche”, ma come creatore consapevole e cosciente e soprattutto attivo.

Queste scoperte ci hanno portato a capire l’effetto della volontà umana sul mondo fisico, l’influenza che l’uomo ha sulla realtà e sulle vicende che accadono.
È stato infatti scientificamente provato che la mente umana è in grado realmente di interferire sul mondo, e quindi è diventato più comprensibile il fatto che noi non siamo le “vittime” delle circostanze, ma le “cause” delle stesse!!

Nessuna energia può andare persa 

Significa che nessun pensiero può andare perso e tali energie hanno inoltre la tendenza a realizzarsi.
Pensieri sono Energia = Diamo energia alle cose che ci concentriamo --> Ciò su cui ci concentriamo aumenta

Proprietà ed effetti:
 Cambiate pensiero e mantenetelo cambiato qualunque cosa succeda, vedrete miracoli!
 Le debolezze non diminuiscono concentrandoci su di esse, bensi concentrandoci sulle proprie forze.
 Se affrontiamo qualsiasi discussione pensando che ognuno ha la sua verità, è possibile un confronto costruttivo.

2- Legge di Causa ed Effetto (Legge del Karma)
Legge di Causa ed Effetto

 

Se esercito una pressione di 10kg contro una parete, anche la parete esercita la stessa pressione di 10kg contro di me, questo esempio rappresenta il cosiddetto “principio di azione e reazione“; ossia ogni volta che applico una forza questa mi torna indietro uguale e contraria; ciò vale per le azioni negative che compio, ma anche per le azioni positive (l’effetto torna all’artefice).

Significa che ogni pensiero torna a chi l'ha trasmesso, quindi qualunque cosa pensiate o trasmettete torna a voi!

Proprietà ed effetti:
 Non potete farvi un bene più grande che augurare il meglio a qualcun' altro, qualunque cosa vogliate sperimentare nella vostra vita: salute, fortuna, benessere o successo.

 Poiché tutto è vibrazione e quindi Energia, lo è anche il pensiero, quindi significa che il modo di pensare può veramente portare al successo o all'insuccesso di una azienda, in quanto è l'unione delle energie che spingono verso una reazione. Ecco perché non esiste il caso nel cosmo!

Alcuni esempi di come viene applicata questa legge:

 Non giudicate (azione) e non verrete giudicati (reazione)

In campo Finanziario:
 Senza doni = uscite (azione) non ci sono entrate = ricevere (reazione)

Significa che le vostre entrate sono la reazione alle vostre uscite, ecco perchè è molto importante l'atteggiamento mentale con cui si spendono i soldi, se lo si fa con generosità, anche le entrate saranno generose.

3- Legge di attrazione

Legge di Attrazione

ll simile attira il simile. Questo avviene tramite il principale strumento della creazione, e cioè il pensiero. Noi attraiamo tutto quello che è in “risonanza" con ciò che noi siamo e pensiamo di essere.

La Bibbia afferma: “Come un uomo pensa così è”. La Legge sancisce che ogni cosa su cui fissiamo la nostra attenzione viene ATTIRATA nella nostra vita e si MANIFESTA nel mondo fisico. Ogni volta che il pensiero si focalizza su un determinato obiettivo questo acquisisce intensità e, più si intensifica, più diventa magnetico e quindi esercita attrazione.

Se ci concentriamo consapevolmente su ciò che non vogliamo, non facciamo altro che rinforzarlo. E’ importante che ne siamo consapevoli, in modo da poter ritirare il nostro sostegno tramite la seconda legge. Pensiamo a noi stessi come a dei potenti magneti, ma non magneti che fanno degli esperimenti e provano ad attrarre questo o quello; siamo dei magneti che attraggono. Punto!

Non è possibile non attrarre e non è possibile non creare. La legge è universale e indipendente da qualunque tipo di volontà. Funziona e basta. Se pensi alla mancanza di qualcosa attrai altra mancanza, se pensi all'Amore per qualcosa attrai altro Amore. Non ci sono eccezioni!

4- Legge del distacco (Lasciar andare)

Legge del Distacco

Considerando il punto di vista della fisica, questa legge universale è fondamentale per raggiungere i propri obbiettivi più velocemente e con minor sforzo, che con qualsiasi altro metodo.

Cosa vuol dire VIVERE? Significa FLUIRE

Cosa significa TRATTENERE? Significa avere dei blocchi, ha a che fare con qualche tipo di squilibrio, può condurre alla morte di una persona o dell'azienda.

Un esempio concreto dell'applicazione di questa legge: Con un arco mirate ad un obiettivo. Cosa si deve fare perché la freccia raggiunga quel obiettivo? Si deve tendere l'arco (Energia), prendere la mira (intelligenza) e si deve lasciar andare. Provate a pensare cosa succede se il tiratore tende l'arco e poi non lo lascia andare? Dapprima nulla, poi si stanca. E se aumenta sempre più la tensione? L'arco si spezza. Ricordate l'espressione che si usa quando qualcuno si ammala per aver lavorato troppo? Si dice << Ha teso troppo l'arco>>

Proprietà ed effetti:
 Lasciar andare è la via più veloce e più economica per raggiungere qualsiasi obbiettivo, in quanto permette di attivare l'Intelligenza Universale.

Cosa significa allora lasciar andare?

a. Accettare cio che è
b. Non giudicare
c. Non pensare alla strada che si prenderà
d. Non lottare per un Obiettivo (ciò che dovrebbe essere) o contro ciò che E'
e. Non concentrarsi sull'obiettivo
f.  Non dubitare di raggiungere l'obiettivo

5- Legge dell'Amore

Legge dell'Amore

 

L'Amore è la legge fondamentale della vita ed è il potere più forte del Cosmo.

Il vero unico nostro scopo nella Terra non è altro che un processo di apprendimento verso un maggior amore. Senza amore non funzionerebbe nulla nemmeno il cosmo, in quanto è il sentimento dell'unità e dell'assenza di conflitto.

L'amore non crea opposizione e porta pertanto più velocemente al conseguimento dell'obiettivo. L'amore non conosce discordia, l'amore non conosce nemico, intendendo l'amore incondizionato, cioè che non giudica e quindi non separa. 

 

       

        Proprietà ed effetti:

 Chiunque vogliate aiutare è bene sapere che questa legge universale è la più potente, la più economica e la più ampia possibilità di aiutare qualcuno;
 Quanto più ampia è la nostra consapevolezza, tanto più semplice è per noi raggiungere i nostri obiettivi e risolvere i nostri problemi, perché abbiamo una visione d'insieme più ampia. L'unico modo per ampliare la nostra consapevolezza per trasformare una visione ristretta in una visione più ampia è semplicemente l'amore;
 Una persona non può quindi, nel proprio interesse, far cosa migliore che amare tutto ciò che gli accade. E' la via più veloce verso il proprio sviluppo;
 Chi non ama se stesso non può amare nemmeno gli altri. La qualità più importante ad esempio per un dirigente è amare se stesso, se non ne è capace, non può nemmeno amare i suoi collaboratori;
 L'amore per se stessi e per tutti gli altri ci permette di raggiungere qualsiasi obiettivo, con un minimo di tempo;

Fattori che bloccano l'Energia

In questo mondo tutto funziona con Energia e gli stessi fisici ci insegnano che qualsiasi cosa è Energia. Se non c'è Energia a disposizione nulla si muove in quanto ogni Energia sottostà a delle leggi fisiche, di conseguenza chi trattiene qualcosa, trattiene Energia. La vita stessa è movimento, cambiamento e trasformazione. Trattenere è sempre un segno di mancanza di fiducia nella vita, perciò il trattenere blocca l'Intelligenza Universale che è all'interno di ognuno di noi.

Dove blocchiamo o perdiamo l'Energia?

1. Se non accettiamo lo stato di ciò che E'
Se non sappiamo accettare persone, situazioni, i nostri sentimenti ed il nostro passato, questo ci costa inutilmente energia.

2. Se giudichiamo
Ciò che giudichiamo, non lo sappiamo accettare. La perfezione non si raggiunge con la lotta, si raggiunge con il lasciar andare e con il non giudicare.

3. Se abbiamo paura dell'insuccesso
La paura può arrivare a paralizzare completamente un uomo ed è completamente paralizzato quando non può più impiegare produttivamente le sue energie. Quanto più giudichiamo noi stessi, tanta più paura creiamo.

4. Quando facciamo dei paragoni
Chi paragona, di solito anche giudica. Non paragonatevi mai ad altre persone, nemmeno ai vostri concorrenti, voi siete voi e nessun'altro.

5. Quando abbiamo dei sentimenti negativi
Quando ci arabbiamo con un'altra persona, non solo diamo a quella persona il potere su di noi, ma perdiamo anche energia in quanto significa non saper accettare quella persona cosi come è.

6. Quando lottiamo sia per un obiettivo, sia contro lo stato di ciò che è
Sia che lottiamo per un obbiettivo, sia che lottiamo contro lo stato di ciò che E' - la lotta significa sempre irrigidimento e costa inutilmente energia.

7. Quando abbiamo dei sensi di colpa
Un esempio è quando pensiamo di aver sbagliato qualche cosa nel passato. I sensi di colpa possono diventare cosi forti da creare enormi blocchi di energia. Non avete mai fatto nessun errore! Avete sempre e solo imparato.

Tratto dal Libro: Il Principio LOL2A
                       Renè Egli  (Economista ed esperto di informatica)

Modello dei Principi Universali

Quale è il modello di riferimento?

Modello dei Principi Universali

E' il Modello dei Principi Universali (MUP) la struttura 3D a forma di Tetraedro di come pervengono al sistema di elaborazione e sono memorizzate le informazioni quantistiche. Lo stesso Aristotele aveva ragione a osservare che raccogliamo informazioni dal nostro ambiente attraverso i Sensi e che giocano un ruolo importante nello sviluppo della mente profonda. In realtà non sono solo le informazioni provenienti dai 5 Organi di Senso, ma anche dalle Emozioni che la persona prova e dai Pensieri che la persona fa in ogni istante della vita e che determinano la sua Energia vitale. Informazioni esterocettive (provenienti dall'esterno dell'organismo) importanti per il movimento sono raccolte per mezzo della vista, dell'udito e del tatto, mentre le Informazioni propriocettive o cinestesiche (interne all'organismo) sono raccolte attraverso l'apparato vestibolare e i ricettori situati nei muscoli e nelle articolazioni.

Anche se il cervello è già cablato dal patrimonio genetico prima della nascita, poi diventa soggetto agli stimoli dell'ambiente attraverso ciò che impariamo e sperimentiamo, tutti questi dati grezzi vengono registrati nei collegamenti sinaptici. Per mezzo dei 5 sensi i dati grezzi affluiscono al cervello (dispositivo quantistico), sta a noi poi trasformarli in qualcosa di salutare o di tossico, tramite la qualità della vita, il sapore e lo stato d'animo che vi aggiungiamo.

 

L’informazione quantistica viaggia nel corpo e quando si verifica uno squilibrio in un qualsiasi piano, i meridiani lo rilevano istantaneamente, in quanto possono andare in difetto o in eccesso di Energia nel tentativo di mantenere l'equilibrio. Essi sono le vie di comunicazione con cui le informazioni fluiscono dai chakra verso i vari piani ed il resto dell’organismo. Ci serviamo del database dei lobi temporali quando ad esempio associamo quello che sappiamo già per comprendere meglio quanto stiamo cercando di imparare di nuovo e sconosciuto. Gli stessi lobi temporali ci aiutano a riconoscere gli stimoli famigliari di cui abbiamo già fatto esperienza. La maggior parte dei milioni di associazioni apprese che sono state sperimentate nella vita, sono immagazzinate nella corteccia associativa dei lobi temporali, pronti ad essere attivati quando necessario.

Modello Principi Universali estesoIl Modello dei Principi Universali rappresenta il nostro stato individuale il modo in cui esprimiamo le nostre energie e funzioniamo in ogni dato momento, che sia uno stato di equilibrio o meno. E' una rappresentazione formalizzata di una serie di contesti che ci influenzano, delle relazioni che essi formano uno con l'altro e il modo in cui lo fanno in relazione al modello di Triune del cervello. A mano a mano che la consapevolezza si è evoluta ha modificato il cervello per i suoi scopi, in quanto il cervello è la rappresentazione fisica della mente. Il campo della mente è antico almeno quanto l'Universo, mentre il cervello umano è un prodotto dell'evoluzione. Essendo impossibile che il cervello crei la consapevolezza, è necessario ci sia qualcuno che la regga e quel qualcuno è la consapevolezza infinita. La verità è che noi partecipiamo ad un'unica mente e la consapevolezza potrebbe essere un campo come l'elettromagnetismo. Uno tra i più importanti pionieri della Fisica Quantistica Erwin Schrodinger si pronunziò in modo chiaro in proposito: "Dividere o moltiplicare la consapevolezza è cosa insensata", "In realtà vi è una sola mente".

Attraverso il Quantum Solution Engineer Training non solo è possibile accedere a queste informazioni contenute nelle memorie cellulari, ma anche interagire con esse per rielaborarle e trovare nuove soluzioni come nel caso di problemi non risolti o peggio ancora soppressi. Dialogando con l’intero organismo tramite la risposta neurologica vengono utilizzate le risorse fisiche, emotive, mentali ed energetiche della persona che descrivono il modo in cui funzioniamo, recuperiamo e otteniamo successo nella nostra vita. Il nostro corpo in realtà è una 'macchina' perfetta che ha già dentro di sé tutte le risorse per auto-guarirsi. Mette in luce lo stato di difesa del sistema di sopravvivenza ed allo stesso tempo l'incredibile potenziale che ognuno di noi ha nascosto dentro di sè.

Perché funziona il Modello dei Principi Universali

Informazione Quantistica

Il corpo registra tutto in memoria, per opera della Procedura QSET troviamo le soluzioni migliori richieste dall'organismo in quel preciso istante. Accedendo a queste informazioni siamo in grado di trovare una nuova gamma di Soluzioni Neurologiche. Ascoltando stati d'animo, desideri, convinzioni, speranze e aspettative, le cellule cerebrali sono in grado di rilevare la qualità della tua vita.

L'Informazione che il cervello umano, nel corso di una vita media è in grado di memorizzare, calcolata da John Von Neumann, uno dei più grandi geni del 20° secolo, era pari a 280 quintilioni (280 seguito da 18 zeri) di bit d’informazione che alla luce di questa scoperta diventerebbe una funzione d'onda esponenziale. Questo è rilevante per noi, perché è il modo in cui raccogliamo, elaboriamo e archiviamo le informazioni, a determinare le credenze che abbiamo e la loro provenienza. Il cervello umano sarebbe in grado di elaborare tutta questa mole di informazioni, a velocità che variano dai 100 a 1.000 teraflops. L'apparato genetico è considerato un bio-computer quantistico, che utilizza le strutture verbali del DNA, del RNA e delle proteine, per la gestione dell'organismo, inoltre genera onde acustiche ed elettromagnetiche  (suono e luce) per trasportare l'informazione 4D usata dai biosistemi. Il DNA non sarebbe altro che un'istruzione-testo che gestisce l'organismo.  

Tutto ciò si basa sulla sua matematica della triangolazione, ancora oggi descrive la struttura dei gusci atomici e il meccanismo della radioattività, dove altre teorie devono ancora riuscirci.

Modello Principi Universali esteso

A seguito di ulteriori ricerche si è dimostrato un riferimento fondamentale per la comprensione del modo in cui le componenti: del piano Mentale (modelli), del piano Emozionale (valori) e del piano Fisico (struttura) sono in relazione una con l'altra per definire le posizioni relative a paure, abitudini e credenze come principali motivazioni nella nostra vita.

La struttura 3D delle informazioni elaborate e memorizzate dall'organismo corrisponderebbe sia alla Teoria del Cervello Olonomico, che consiste nella descrizione in termini matematici dei processi neuronali (tali processi rendono il nostro cervello capace di comprendere le informazioni che si presenterebbero sotto forma di onde, per poi trasformarle in immagini tridimensionali), che alla quella che descrive l'Universo come un'immenso Ologramma

Böhm suggerisce che nell' Universo esisterebbero un ordine ‘implicito’, che non vediamo e che egli paragona ad un ologramma nel quale la sua struttura complessiva è identificabile in ogni sua singola parte, e uno ‘esplicito’ che è ciò che realmente vediamo. Quest’ultimo sarebbe il risultato dell’interpretazione che il nostro cervello ci offre delle onde (o pattern) di interferenza che compongono l’Universo.

Con il modello di  Karl Pribram si è teorizzato che le informazioni e i ricordi immagazzinati nel nostro cervello, non vengano “registrati” nei neuroni, ma siano il risultato di figure (o pattern) d’onda interferenti, spiegando in tal modo la capacità del cervello di immagazzinare un’enorme quantità di informazioni in uno spazio ristretto. I ricordi memorizzati dal cervello, ricordavano il modello di archiviazione dei dati sviluppato a metà del XX secolo attraverso schemi denominati Ologrammi. Non dimentichiamo che la vera sede dell'esistenza umana è la mente, alla quale il cervello si inchina come il più devoto ed intimo dei servitori. Pribram supponeva che se il cervello funzionava realmente come un ologramma distribuendo l'informazione attraverso i suoi circuiti molli, allora doveva elaborare l'informazione allo stesso modo delle equazioni di Fourier. La sua teoria si dimostrò esatta, infatti i successivi esperimenti provarono che il cervello umano elabora i dati secondo una modalità che equivale alle equazioni olografiche. Questo modo radicalmente nuovo di concepire noi stessi e l'Universo, ci permette l'accesso a qualsiasi possibilità si possa mai desiderare, sognare o immaginare. Comincia tutto dalle nostre credenze e dai pensieri che contribuiscono a formarle. Dal Successo alla Felicità, dai fallimenti alle sofferenze,fino ad arrivare alle affezioni fisiche come l'infertilità e perfino le nostre aspettative di vita, sono stati tutti collegati alle nostre credenze.

{jcomments off}

Copyright © 2018 myKonsulting Solution within us. Designed by joomla2you